Archive for tag: parrocchie

Raccolta differenziata nelle parrocchie? Dovrebbe essere ovvia, non un’eccezione

scritto da Laura Badaracchi il 03/05/2016 in parrocchie, rifiuti, scuola, raccolta differenziata, convivenza, catechismo, eccezione, regola, educazione civica | lascia un commento

Forse al catechismo, oltre alle parabole evangeliche, bisognerebbe insegnare un po’ di educazione civica, per imparare le regole-base della convivenza umana (quindi anche cristiana)

raccolta differenziata nelle parrocchie? Dovrebbe essere ovvia, non un’eccezione 

A scuola ho studiato educazione civica e fin da bambina ricordo gli schiaffi di mio padre sulle mani se lasciavo scivolare a terra, ovunque fossi (a casa o per strada) l’involucro di una caramella: «Si tiene in mano e si butta nel cestino», la risposta perentoria. Ben prima della raccolta differenziata viene la raccolta dei rifiuti, invece di spargerli colpevolmente al di fuori del proprio uscio, «tanto non ci abito su questa strada o in quel luogo». I pericoli d’inciviltà acuta si annidano anche in parrocchie, santuari, chiese e oratori. Dove i fedeli riuniti per banchettare, festeggiare, brindare o fare incontri con rinfresco corrono via prima di sparecchiare a dovere. E prima di gettare i rifiuti seguendo i dettami della ...

Leggi tutto

Verso il Giubileo/2. Come accompagnare all’altare i separati e i divorziati

scritto da Laura Badaracchi il 23/10/2015 in famiglia, parrocchie, Sinodo, messa, comunione, separati, divorziati, gesti, gay | lascia un commento

separati 1Il Sinodo della famiglia si sta avviando alla conclusione. Fra gli argomenti più rimbalzati sui media generalisti, che semplificano ogni questione con una frase secca, c'è il problema di concedere o meno la comunione ai divorziati risposati, oltre alle coppie gay. Non mi inoltro in un tema teologicamente complesso, ma in prassi facili e concrete.

...
Leggi tutto

Oscar Romero e gli altri santi nascosti, da raffigurare in mezzo la gente

scritto da Laura Badaracchi il 22/05/2015 in Papa Francesco, oratori, fede, parrocchie, conventi, Romero, Oscar Arnulfo Romero, santi, chiese, storia, beatificazione, beato, gente, testimonianza, santità, incarnato | lascia un commento

romero1

Domani 23 maggio monsignor Oscar Arnulfo Romero, arcivescovo di San Salvador ucciso il 24 marzo 1980 mentre celebrava la Messa, sarà beatificato a San Salvador. 

Avviato nel ’97, il processo canonico si era arenato, ma papa Francesco ha dato la svolta definitiva, dando voce alla fede del popolo che fin dal giorno della sua uccisione lo aveva proclamato martire e santo. Vorrei riflettere un po’ su questo riconoscimento non solo istintivo e viscerale, ma profondamente cristiano, che il popolo di Dio fa dei santi. E sul fatto che i santi “popolari” in America Latina vengono raccontati nei murales e nei dipinti all’interno di chiese e cappelle non in pose ieratiche, lontane dalla vita quotidiana. Sono nell’iconografia popolare, circondati da persone e da case, immersi nel contesto storico in cui hanno dato la propria esistenza. 

Succede anche in Africa, dove la Madonna è nera e ...

Leggi tutto

Le mura rassicuranti delle parrocchie e il coraggio di cambiare “location”

scritto da Laura Badaracchi il 05/03/2015 in Rom, Papa Francesco, Bergoglio, Assisi, poveri, parrocchie, missione, recinto, location, conventi, pastorale, luogo, contesto | lascia un commento

messa romIn questo periodo di emergenza abitativa mi piace “pazziare”, parola molto espressiva del dialetto partenopeo di intuibile e immediato significato. “Pazziare” o sognare non costa nulla, è a buon mercato pure in tempi di crisi cronica, se sei in cassa integrazione o disoccupato o sfrattato o se dormi in macchina. Penso al popolo di laici (in cui mi metto anch’io), alla possibilità di venire intercettati e coinvolti da convegni, seminari, incontri, momenti di preghiera organizzati all’interno delle calde e rassicuranti mura delle sale parrocchiali.

Nei luoghi in cui tutti si conoscono e se arriva “uno nuovo” tutti si girano a fissarlo, a squadrarne l’abbigliamento, la postura, il modo di camminare e di stare seduto. Qualcuno può sorridergli, qualcun altro mostrargli il posto migliore dove sedersi per ascoltare e magari una signora anziana – con il pretesto di dargli il benvenuto – può iniziare a raccontargli i suoi problemi ...

Leggi tutto

Il sogno di una Chiesa davvero aperta alla disabilità

scritto da Laura Badaracchi il 30/01/2015 in Chiesa, Comunità, Disabilità, Papa Francesco, parrocchie, cultura, parrocchia, porte, disabili, post, Arca, messa, comunione, catechesi, movimenti, catechisti | lascia un commento

papa fra don gnocchiIn tempi di crisi sognare a occhi aperti non costa nulla, anche se con il calo di consumi si registra una discesa vertiginosa degli ideali e delle utopie, valori compresi. I cristiani, immersi in questa che papà Francesco definisce "cultura dello scarto", non sono autoimmuni e respirano questo clima. Di frettolosità, disattenzione, pressappochismo. Chi non corre resta indietro, travolto dagli ipercinetici. Succede anche in parrocchia, a messa, nei gruppi, nei movimenti. E visto che stiamo per entrare in quaresima, un evergreen come l'esame di coscienza non stona. Per mettere a fuoco abitudini consolidate e resistenti distrazioni nei confronti dei generici "altri". Che hanno volti e biografie interessanti se li chiami per nome. Pure se usi nomi di fantasia per tutelarne la privacy, i riferimenti ai fatti sono puntuali, non puramente casuali.papa bambini

Prendiamo Pietro, un ragazzone di circa vent'anni che ha un deficit cognitivo. Gli piace stare vicino all'altare ...

Leggi tutto

Il buonismo natalizio ha stufato: è ora che le parrocchie aprano le loro porte

scritto da Laura Badaracchi il 21/12/2014 in Welfare, Minori, Papa Francesco, poveri, servizi, parrocchie, volontari, Vangelo, don Luigi Di Liegro, Natale, porte, collette, alimenti, diocesi, tavolata, minori stranieri non accompagnati, fratelli, sorelle, ecclesialese, Concilio | lascia un commento

maniBasta con le collette e le raccolte di alimenti: è tempo di uscire dalle parrocchie e lasciare le porte aperte. Perché i servizi per i poveri non possono essere gestiti burocraticamente. Ricordo in particolare un episodio: il compianto don Luigi Di Liegro, fondatore e direttore della Caritas diocesana di Roma (scomparso nel ’97), si arrabbiava vigorosamente con i suoi operatori se lasciavano attendere in fila, fuori dall’ostello o dall’ambulatorio in via Marsala, persone in piedi (donne con bambini, per esempio), in attesa di entrare. Perché secondo lui la porta doveva essere sempre aperta grazie ai volontari, non chiusa come quella di un ufficio municipale che funziona solo con il personale assunto e pagato.

Certo, l’organizzazione ci vuole, la prima accoglienza anche, ma penso che a livello ecclesiale il welfare debba compiere un deciso, coraggioso e profetico salto di qualità.Lo chiedono i segni dei tempi di cui parlava il ...

Leggi tutto

Quei movimenti ecclesiali molto ammanicati, ma allergici ai cani sciolti

scritto da Laura Badaracchi il 05/07/2014 in Chiesa, Comunità, Papa Francesco, Bergoglio, Francesco, disabile, papa, pontefice, parrocchie, credenti, laici, vocazione, clericalizzazione, movimenti ecclesiali, cani sciolti, Mesa, neonato, missione, madri, figli, sacrestie | lascia un commento

papa 1 sdp

(foto: Stefano Dal Pozzolo/Contrasto)

L’appartenenza ecclesiale dovrebbe essere anzitutto fede nel Vangelo annunciato e rivelato da Gesù Cristo nella sua incarnazione, passione, morte e risurrezione. Sì, ci sono i carismi, i doni dello Spirito. Che hanno suscitato movimenti e associazioni a cui aderiscono laici, religiosi e religiose, anche sacerdoti e vescovi. Ma il rischio della clericalizzazione è dietro l’angolo, mentre i credenti laici hanno una vocazione specifica ben importante e scolpita: quella di testimoniare la loro fede, con la vita, nel “mondo”. Cioè nelle situazioni in cui si trovano: a casa, al lavoro, per strada, anche sugli autobus affollati e sui treni senza aria condizionata. Oltre che in parrocchia, naturalmente.

Sembra invece che in qualche caso si diventi “visibili” – nei grandi numeri, nell’informazione mainstream e pure sui social network, per cifre di “mi piace” e retweet – per la dichiarata ...

Leggi tutto