Archive for tag: missionari

I miracoli veri, senza effetti speciali, succedono. E non solo a Natale

scritto da Laura Badaracchi il 07/01/2017 in Carcere, migranti, missionari, dialogo, Natale, Musulmani, ospedale, cattolici, miracoli, Africa, social network, virali, Ciad, Sud Sudan, medico, protestanti, paradiso | lascia un commento

SudSudan2Sono fatti che non vengono riportati dai telegiornali e dai canali all-news. Non vanno a finire neppure sui social network per diventare virali. Non destano clamore, né hanno apparenze prodigiose. Eppure i miracoli veri, quelli non eclatanti e senza effetti speciali, succedono. E non solo a Natale. Anche se oggi, 7 gennaio, si celebra il Natale nelle chiese cattoliche orientali e in quelle ortodosse.

Prendo spunto da due fatti raccontati da una missionaria francescana in Ciad e un missionario comboniano in Sud Sudan. Quella terra africana in cui papa Francesco ha voluto aprire il Giubileo della misericordia, nel novembre 2015, e che ha tanto da insegnarci sul dialogo ecumenico e interreligioso vissuto nella quotidianità, con i fatti (tra l’altro è ormai vicina la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, in programma dal 18 al 25 gennaio). In quelle periferie geografiche ed esistenziali la fede suscita miracoli forse ...

Leggi tutto

Missionari italiani in Georgia: minoranza a servizio non solo dei pochi cattolici, ma di tutta la popolazione

scritto da Laura Badaracchi il 01/10/2016 in Papa Francesco, Milano, missionari, fede, Caritas, Vangelo, testimonianza, Georgia, Batumi, Kutaisi, ecumenismo, Roma, Trento, cattolici, minoranza, mensa, ostello | lascia un commento

La Caritas assiste migliaia di cittadini di religione ortodossa, soprattutto anziani e famiglie, attraverso il lavoro di volontari in maggioranza ortodossi. Anche al Consultorio familiare, con l’annesso Centro di aiuto alla vita, accedono donne di ogni religione 

Georgia, terra con una minoranza esigua di cattolici visitata in questi giorni da papa Francesco. Laggiù sono missionari da molti anni Ugo e Wanda, una coppia di amici del Cammino Neocatecumenale che dopo la pensione di lui si è resa disponibile per annunciare il Vangelo. Entrambi hanno studiato il russo e il georgiano e testimoniano con la vita la loro fede, nel dialogo costante con gli ortodossi. Ma volevo saperne di più sui missionari italiani, laici e non, che vivono a Tbilisi e dintorni, come i camilliani e i cappuccini (fra loro padre Filippo Aliata, originario di Fidenza, da tre anni è volato al confine con la Turchia). Italianissimo è anzitutto ...

Leggi tutto

Quell'esercito silenzioso e invisibile dei volontari di madre Teresa. Senza etichette né loghi

scritto da Laura Badaracchi il 02/09/2016 in Papa Francesco, poveri, volontari, madre Teresa, missionarie della carità, santa | lascia un commento

mTeresa

D’accordo, prima vengono loro, le Missionarie della carità fondate da madre Teresa, proclamata santa il 4 settembre. Con il sari bianco orlato di blu, il crocifisso sulla spalla, vivono le loro giornate pregando e servendo i poveri. Ma accanto a loro, intorno a loro, un esercito silenzioso di volontari senza etichette né gerarchie. Persone affascinate dalla santa di origine albanese, o dal suo carisma, che sostengono la sua opera nel mondo con donazioni di denaro, di abiti e cibo, di detersivi e quanto è necessario per l’igiene personale, di passaggi in macchina e biglietti aerei. Rendono possibile l’agire continuo della Provvidenza con i loro portafogli ma soprattutto con le loro mani, braccia, piedi, volti. Sposano gli ideali della Madre pur restando nel mondo, non professando i voti religiosi e non vivendo h24 con i poveri. Però spendono brandelli del loro tempo, delle loro energie, della loro passione, ...

Leggi tutto

Finite le scosse, scomparso il terremoto dai media. Ma in Ecuador si continuano a cercare i morti

scritto da Laura Badaracchi il 25/04/2016 in missione, Terremoto, Ecuador, notizia, suor Daniela Maccari, missionaria comboniana, indifferenza, buonismo | lascia un commento

Una missionaria comboniana, giornalista e scrittrice, riaccende i riflettori su una tragedia troppo presto dimenticata. Dando una spallata all’indifferenza endemica, al menefreghismo ontologico di cui siamo impregnati

ecuador 1 

Finite le scosse, scomparso il terremoto dai media. Ma in Ecuador si continuano a cercare i morti, a soffrire per le conseguenze del disastro e a tentare di rimettere insieme i cocci di case, villaggi, paesi rasi al suolo. A risvegliarmi dal torpore su questa notizia, sparita rapidamente dai nostri telegiornali e quotidiani, una mail di suor Daniela Maccari, missionaria comboniana nel Paese andino, che conosco da molti anni. Giornalista e autrice di diversi libri, la religiosa conosce i meccanismi dell’informazione, la sua abilità a seppellire i fatti che ormai sembrano vecchi, la capacità di non seguire vicende dolorose troppo lontane geograficamente e affettivamente dalla vecchia Europa. Se fra le vittime ci fosse stato qualche italiano o ...

Leggi tutto

Volontari anonimi e pure disorganizzati. Ma funzionano e non vanno in ferie

scritto da Laura Badaracchi il 19/07/2014 in Papa Francesco, migranti, solidarietà, famiglie, vocazione, volontari, Stazione Termini, Piccole Suore Missionarie della carità, case, homeless, sbarchi | lascia un commento

Gli sbarchi dei migranti non vanno in vacanza. Lo sanno bene a Palermo gli “anonimi” volontari della Caritas che si impegnano a fianco di persone che non hanno mai visto prima. Si conoscono in circostanze drammatiche, difficili. Arrivano dove le istituzioni non riescono ad arrivare. Hanno motivazioni e umanità, mescolati ai loro limiti. Con l’aiuto della Caritas palermitana possiamo scoprire le storie e i volti di due fra loro, fra i tanti che si rimboccano gratis le maniche. Chi glielo fa fare? «Non pensavo di riuscire a essere così utile per queste persone e tutto questo mi dà una grande gioia. Ho cinque figli e guardo questi ragazzi come se fossero i miei figli. Loro mi chiamano “papà Africa”, perché mi vedono più grande e hanno bisogno soprattutto di ricevere calore e fiducia», racconta commosso Salvatore Lupo: 65 anni, pensionato, ex ferroviere, residente nel quartiere popolare di Falsomiele. E aggiunge: «Questo ...

Leggi tutto

Non solo oratori: salesiani in Guatemala accanto agli indios vittime di inondazioni

scritto da Laura Badaracchi il 12/08/2013 in missionari, salesiani, Guatemala, oratori, alluvioni, indios | lascia un commento

Guatemala1

C’è uno stereotipo che accosta automaticamente i preti salesiani agli oratori. Mentre non animano solo questi nel globo. E c’è un altro stereotipo, purtroppo vero: le notizie sul Sud del mondo non arrivano nei circuiti dell’informazione mainstream. Chi nei giorni scorsi ha sentito parlare di alluvioni e frane in Guatemala, precisamente nell’area montana di Santa Catalina La Tinta, dove quattro villaggi sono rimasti isolati e decine di famiglie hanno perso tutto, a partire dalla casa? Ho trovato questa notizia soltanto sull’agenzia Ans dei salesiani (poi ripresa da Radio Vaticana e dall’agenzia Fides), che da anni lavorano con la comunità indigena Q’eqchi.

La missione salesiana di Altaverapaz comprende anche una parrocchia in un’area con circa 250mila abitanti. Il vescovo di Verapaz Cobán, Rodolfo Valenzuela, ha invitato tutti i fedeli della diocesi ad aiutare la popolazione colpita. Ma raggiungere i villaggi degli indios è stato particolarmente arduo, dato che il cammino ...

Leggi tutto

Sapone e burro bio per liberare i “vidomègon”, bambini schiavi del Benin

scritto da Laura Badaracchi il 31/07/2013 in Minori, Figlie di Maria Ausiliatrice, missionarie, Benin, Maison de l'Esperance, Casa della speranza, Naturaequa, Cotonou, sfruttamento lavorativo, saponi, burri, vidomègon, suore salesiane | 1 commento

benin1

L’amore solidale deve essere, necessariamente, concreto. Perché la fantasia della carità non resti un proclama buonista, privo di agganci con la realtà. Lo sanno bene le Figlie di Maria Ausiliatrice, missionarie in Benin dal 2001 per educare e formare bambine e ragazze vittime di sfruttamento. In questi dodici anni hanno aperto centri di accoglienza e di formazione per offrire loro la possibilità di ritrovare la propria dignità in un ambiente familiare. La pedagogia del loro co-fondatore san Giovanni Bosco, infatti, affonda le radici nella educazione preventiva, accompagnata dall’assistenza e dal reinserimento nel tessuto sociale.

Ecco i laboratori attivi alla Maison de l’Esperance (Casa della speranza), presso il centro di Hindé: dalla panetteria alla pasticceria, dalla cucina alla “saponeria”, atelier in cui sono preparati saponi e burri di karité venduti sia sul mercato locale che in Italia attraverso Naturaequa. La lavorazione è rigorosamente artigianale, insegnata ...

Leggi tutto