fiordaliso 1Quando si parla di vita e di morte, inevitabilmente si entra in un “campo minato” e delicatissimo, rischiando facili scivoloni nell’ideologia di parte. In levate di scudi e proclamazione di “valori non negoziabili”, espressione che non piace a papa Francesco e neppure al nuovo segretario della Conferenza episcopale italiana, don Nunzio Galantino. Perché i valori sono valori e basta. Così, invece dell’espressione “difesa della vita”, vorrei citare alcuni esempi di chi l’esistenza dei nascituri la promuove nella concretezza della quotidianità, non solo a parole. “Sporcandosi le mani”, come diceva don Luigi Di Liegro, profetico direttore della Caritas romana morto nel ’97.

Anni fa rimasi molto colpita quando un’operatrice della Caritas mi raccontò che signore cattoliche praticanti non avevano esitato a licenziare la loro collaboratrice domestica fissa o la cosiddetta “badante” quando era rimasta incinta. Un caso che non sembrava essere infrequente. Queste donne (spesso migranti) si ritrovavano così ...