Pubblico una mail ricevuta da don Fabio Gammarrota, parroco a Posta e Cittareale (Rieti), a pochi chilometri da Amatrice. Sta vivendo sulla sua pelle, accanto alla sua gente, gli esiti del terremoto del 24 agosto scorso. Ha scritto questo messaggio nelle prime ore del 20 settembre scorso.

donFabio1

Cara Laura sono le 02:10 e ti scrivo...il mio riposo notturno, fortemente segnato è pressoché ridotto a qualche ora,  anche oggi - come spesso da un po di tempo - è stato interrotto da due scosse, forti, ondulatorie - pare 4.1 e 3.7, dicono siano quelle di assestamento - sarà, per me hanno il sapore indescrivibile della polvere e l'odore che ora, come allora, si rifà sentire forte e acre, ti buca lo stomaco e ti riporta per mano a scenari di morte. Il respiro si è fatto silenzioso, nulla deve distrarmi dal cogliere ogni rumore o ...