paolo1

Non riesco proprio a tacere su don Paolo Glaentzer, 70 anni, che ha abusato di una bambina di 10 anni già seguita dai servizi sociali: la conosceva dalla nascita, frequentava la sua famiglia problematica, i genitori acconsentivano a giri in macchina con il prete (ma come si fa?), lui ha parlato di "rapporto affettivo" e di lei che "prendeva l'iniziativa", del diavolo "che ci ha messo lo zampino" e "gli ha fatto uno sgambetto".

Mi faccio tante domande: quante altre prima di lei? Perché un pedofilo è recidivo e una persona che fa queste affermazioni alla sua età non può non aver lanciato segnali. E poi: possibile che nessuno si sia accorto di nulla in questi anni? Nessun formatore, nessun parrocchiano, nessun vescovo, nessun confratello prete? Leggo che è stato monaco benedettino per circa 20 anni in Germania, poi è passato da una diocesi ...